Libertà di movimento, movimento di libertà

  • Anno scolastico 2019-2020
  • Presentato da IC di Zevio, Zevio (Verona)

Art.13   
Ogni individuo ha diritto alla libertà di movimento e di residenza entro i confini di ogni Stato.
Ogni individuo ha diritto di lasciare qualsiasi paese, incluso il proprio, e di ritornare nel proprio paese.

"Prima di giudicare la mia vita o il mio carattere mettiti le mie scarpe, percorri il cammino che ho percorso io. Vivi il mio dolore, i miei dubbi, le mie risate. Vivi gli anni che ho vissuto io e cadi là dove sono caduto io e rialzati come ho fatto io." (Luigi Pirandello) Siamo gli alunni della 2 E della scuola Secondaria di Secondo Grado "Altichiero da Zevio". La nostra classe è composta da ragazzi appartenenti a famiglie di diversa provenienza, in un territorio dove si verificano frequenti flussi migratori soprattutto per lavori stagionali in campagna. Questo ci ha portati a riflettere e a discutere sulla libertà di movimento delle persone: durante lo studio e il dibattito sulla "Dichiarazione dei Diritti Umani" abbiamo scoperto che l'articolo 13 sancisce e definisce questa libertà. Sono sorte molte domande sulla provenienza dei compagni stranieri, non solo della nostra classe o della scuola secondaria, ma anche di tutti gli altri plessi del nostro istituto, e sulle motivazioni che hanno spinto le loro famiglie ad abbandonare il paese d'origine. Abbiamo così pensato, come ci sollecitano sempre i nostri insegnanti, di cercare delle risposte attraverso un lavoro di ricerca, chiedendo alla segreteria della scuola il numero degli alunni figli di stranieri o di coppie miste e quanti sono arrivati di recente, in riferimento all'intera popolazione scolastica di tutto l'istituto comprensivo, costituito da due scuole dell'infanzia, cinque della primaria e una secondaria di primo grado, dislocate in un territorio di circa 55 kmq. Se sarà possibile, confronteremo i dati del corrente anno scolastico con quelli degli anni precedenti. èˆ nostra intenzione anche raccogliere informazioni presso l'ufficio anagrafe del Comune, sebbene questa proposta abbia sollevato accese discussioni, perchè sono emersi i concetti di residenza, domicilio e di cittadinanza, argomento che invece riguarda l'articolo 15. Sono state sollevate interessanti questioni sulle motivazioni che hanno spinto anche gli abitanti del nostro territorio ad emigrare, e questo ci porterà a ricercare informazioni sui movimenti migratori durante le lezioni di storia. Per reperire elementi più soggettivi, ci proponiamo di realizzare un questionario, rivolto agli alunni stranieri, da inviare in tutti i plessi, chiedendo la collaborazione degli insegnanti per raccogliere le risposte relative le motivazioni che hanno spinto i loro genitori a scegliere l'Italia, le difficoltà che hanno incontrato durante il viaggio e quelle che devono affrontare ogni volta che ritornano nel loro Paese: questo ci aiuterà a metterci nei panni di questi nostri compagni che hanno dovuto lasciare tutto. Con tutte le notizie raccolte intendiamo realizzare dei lavori (cartelloni, slide, power point) da presentare alle classi, all'interno della scuola, e alla cittadinanza in un'assemblea pubblica. Per realizzare questo incontro abbiamo già preso accordi con l'associazione onlus "Cittadini del Mondo" che può aiutarci nell'organizzazione, nella pianificazione degli interventi e nella ricerca di eventuali ospiti da invitare. L'obiettivo del nostro lavoro di studio e ricerca è quello di aiutarci a capire che, dietro a ogni scelta, ci sono motivazioni profonde dettate da situazioni difficili e da circostanze complesse. Spesso, purtroppo, la maggior parte delle persone considera incomprensibili, inaccettabili o addirittura inesistenti le cause che spingono molte famiglie ad abbandonare la loro patria, e si nasconde dietro una maschera di finta accettazione e di falsa accoglienza rifiutandosi di provare a comprendere che gli "altri" potremmo anche essere noi. Gli alunni della classe 2 E della Scuola secondaria di Primo Grado "Altichiero da Zevio".

Libertà di movimento, movimento di libertà

Blog

  • 04 Maggio 2020
    L. V. - Zevio (Verona)

    ATTIVITA' ALTERNATIVA

    Ci è stata offerta, nel mese di gennaio, l'opportunità della collaborazione dell'insegnante di attività alternativa alla religione cattolica, la prof.ssa G.L., che ha aiutato gli alunni che seguiva ad approfondire i concetti di cittadinanza, domicilio, residenza. Gli alunni hanno preparato …

  • 04 Maggio 2020
    L. V. - Zevio (Verona)

    IL QUESTIONARIO

    La prima attività, quindi, del nuovo anno scolastico ci ha visto impegnati nella strutturazione del questionario da somministrare a tutte le classi dell'istituto.
    La classe è stata suddivisa in gruppi, ed ogni gruppo ha presentato le sue proposte; la prima …

  • 14 Aprile 2020
    L. V. - Zevio (Verona)

    ANNO NUOVO, IDEE NUOVE

    Uno dei compiti assegnati per le vacanze natalizie è stato quello di riflettere sulle attività da avviare per rendere tangibile, concreta, viva la nostra "azione di testimonianza". Ancora una volta la discussione si è rivelata molto animata, perchè le idee …

  • 30 Marzo 2020
    L. V. - Zevio (Verona)

    IN NOVEMBRE RIMETTIAMO TUTTO IN GIOCO

    Tutto il lavoro svolto nel precedente anno scolastico, è stato rimesso in discussione lo scorso autunno: l'estate aveva portato i miei alunni a riflettere, in base anche a nuove vicende sia personali sia sociali, sull'opportunità di approfondire l'articolo 13, che …

  • 26 Marzo 2020
    L. V. - Zevio (Verona)

    COME TUTTO E' INIZIATO

    Questa nostra avventura è iniziata nella primavera dell'anno scorso. In un'attività sui diritti inviolabili per una persona, che ha avviato una discussione molto animata, gli alunni stessi hanno proposto di elaborare un'attività più strutturata da presentare come progetto per il …

  • 19 Marzo 2020
    L. V. - Zevio (Verona)

    BENVENUTI A TUTTI

    Salve a tutti! Eccoci qui, cari ragazzi, all'inizio di questa nostra nuova avventura. Un'avventura che ci permetterà di aprire i nostri orizzonti, azione che, in questo periodo di emergenza sanitaria, si rivela quasi indispensabile: proprio nel momento in cui viene …