"Testimoni dei Diritti", a. s. 2019-2020: le premiazioni. Porto Viro (Rovigo) e Sulmona (L'Aquila)

"Testimoni dei Diritti", a. s. 2019-2020: le premiazioni. Porto Viro (Rovigo) e Sulmona (L'Aquila)

Il 2 marzo 2021 sono stati premiati, nel corso di un incontro in videoconferenza, l'Istituto Comprensivo di Porto Viro (Rovigo) e l'Istituto Comprensivo "Mazzini - Capograssi" di Sulmona (L'Aquila), fra i vincitori del concorso "Testimoni dei Diritti", anno scolastico 2019-2020.

Il concorso, bandito annualmente dal Senato in collaborazione con il Ministero dell'Istruzione, è rivolto alle scuole secondarie di primo grado e prevede che studenti riflettano sui princìpi della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, approfondendo uno degli articoli a loro scelta, verificandone l'attuazione nel proprio territorio e formulando proposte volte ad assicurarne il rispetto.

Presenti alla videoconferenza le senatrici Michela Montevecchi (Segretario del Consiglio di Presidenza del Senato e membro della Commissione diritti umani) e Paola Binetti (Vice-Presidente della Commissione diritti umani).

La classe 2 A di Porto Viro ha partecipato dall'aula magna del proprio Istituto scolastico, mentre studenti e studentesse della 3 B e 3 C del "Mazzini - Capograssi" di Sulmona erano distribuiti parte a scuola e parte da remoto. Oltre alle classi premiate erano presenti il Dirigente scolastico dell'Istituto di Sulmona, la Vice-Preside di quello di Porto Viro e le docenti referenti dei progetti. Tutti i partecipanti hanno indossato con orgoglio il distintivo "Testimone dei Diritti", destinato ai vincitori dell'iniziativa.

Vivaci e brillanti le presentazioni dei due progetti che, pur approfondendo due articoli diversi della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, hanno focalizzato la loro attenzione in maniera sul legame fra tutela del territorio e del patrimonio culturale locale e crescita del benessere sociale e dello sviluppo economico.

La classe dell'Istituto Comprensivo di Porto Viro (Rovigo) ha illustrato per prima il progetto "Diventiamo custodi del territorio e della cultura", di approfondimento dell'art. 27, c. 1 della Dichiarazione:

"Ogni individuo ha diritto di prendere parte liberamente alla vita culturale della comunità, di godere delle arti e di partecipare al progresso scientifico ed ai suoi benefici".

Ragazze e ragazzi di Porto Viro hanno raccontato, anche attraverso brevi frammenti recitati in dialetto e canti dal vivo, l'importanza dell'azione di tutela del prezioso patrimonio naturalistico del Delta del Po e del recupero della storia e delle tradizioni popolari della propria terra, di cui essi stessi si sono fatti promotori attraverso il progetto.

A seguire, le due classi dell'Istituto Comprensivo "Mazzini - Capograssi" di Sulmona (L'Aquila) hanno illustrato il progetto "Io resto... Noi restiamo", incentrato sull'art. 25 della Dichiarazione:

"Ogni individuo ha diritto ad un tenore di vita sufficiente a garantire la salute e il benessere proprio e della sua famiglia, con particolare riguardo all’alimentazione, al vestiario, all’abitazione, e alle cure mediche e ai servizi sociali necessari; e ha diritto alla sicurezza in caso di disoccupazione, malattia, invalidità, vedovanza, vecchiaia o in altro caso di perdita di mezzi di sussistenza per circostanze indipendenti dalla sua volontà.    
La maternità e l’infanzia hanno diritto a speciali cure ed assistenza. Tutti i bambini, nati nel matrimonio o fuori di esso, devono godere della stessa protezione sociale".

Storia, cultura, tradizioni e tutela del paesaggio sono stati individuati, dagli studenti di Sulmona, come elementi fondamentali per assicurare ai propri concittadini la realizzazione concreta di quel diritto a un "benessere integrale" della persona rappresentato dall'articolo della Dichiarazione prescelto.

Prima di rivolgere le domande alle Senatrici presenti, gli studenti si sono confrontati raccontandosi le emozioni provate e le esperienze vissute nel corso dello svolgimento dei progetti.

Dopo la presentazione dei progetti sono intervenute le Senatrici che, nel rispondere alle sollecitazioni dei ragazzi, hanno espresso il loro apprezzamento per la completezza e la profondità degli argomenti trattati nei progetti, portati a termine con determinazione e impegno da Dirigenti, docenti e studenti delle classi premiate nonostante le difficoltà imposte dalla situazione sanitaria.

A conclusione dell'incontro, tutti gli studenti hanno mostrato gli attestati di merito e la targa di premiazione per gli Istituti scolastici. Il Senato ha inoltre inviato a ciascun partecipante la Costituzione italiana, la Dichiarazione Universale e altro materiale didattico utile ad approfondire la conoscenza dell'Istituzione.