Nel pieno della nostra attività! Noi… prossimi peer educators

  • Pubblicato il 26/02/2022
  • da G. R. - Castelvetrano (Trapani)

Parola ai ragazzi: pigiando sul link avrete modo di comprendere l’esperienza formativa che vede coinvolti i ragazzi nel progetto
Ri_media@8.0: https://drive.google.com/file/d/1WWX0o5zowqQGw76fFVXgynnHMotJ5MGm/view?usp=sharing Rimedi@_8.0 diritto alla Privacy
Già dal mese di novembre la nostra scuola si è aperta a forme di collaborazione e reciproco stimolo culturale, instaurando una partnership con l’Osservatorio Infanzia e Adolescenza, gruppo di lavoro Mediale, rappresentato dal Dottor F. Lucido, sociologo presso l’Azienda Sanitaria provinciale di Trapani.
La classe IA, è già coinvolta in diversi incontri di formazione- responsabilizzazione, continua ad essere impegnata nel “Progetto Ri_media@8.0 Vivere con Internet, cellulari e videogiochi_ Salute mediale e life Skills empowerment”. Al termine della formazione la classe acquisirà, in seguito ad un esame finale, un “patentino sulla cybersicurezza”. Gli allievi si preparano, dunque, a diventare peer educators, utile risorsa dentro e fuori il contesto scolastico.
Il progetto Ri_Medi@ ha tra i suoi obiettivi la promozione del benessere socio-psico fisico dei minori e delle loro famiglie, la cittadinanza digitale e l’utilizzo responsabile, consapevole, critico, creativo di internet, degli smartphone e delle nuove tecnologie della comunicazione. Attraverso interventi mirati e work-shop, stimola il confronto, il dialogo e la riflessione, lavorando sugli aspetti sociali al fine di sviluppare e potenziare le life skills, le soft skills e le competenze digitali per prevenire l’insorgere problematiche tra gli adolescenti e offrendo suggerimenti per un corretto utilizzo degli strumenti tecnologici e della vita OnLifes, al fine di prevenire atteggiamenti errati che potrebbero scadere in violazione del diritto di riservatezza.
Competenze specifiche:
1. Sperimentare le proprie competenze sociali e le abilità di comunicazione con se stessi e con gli altri, in situazioni che riproducono le principali modalità di interazione fra le persone.
2. Acquisire consapevolezza rispetto ad atteggiamenti derisori che sfociano in atteggiamenti quali body-shaming, hate speech e discriminazioni.
3. Sviluppare l’autonomia degli studenti per attivare un percorso di educazione tra pari.
4. Conoscere le regole condivise per la costruzione del bene comune.
5. Interpretare e riconoscere le emozioni e i sentimenti per comprendere se stesso e gli altri.
6. Conoscere e applicare le regole per un corretto e sicuro utilizzo degli strumenti informatici.
8. Riconoscere l’importanza di rispettare la privacy.

Di seguito alcuni prodotti multimediali sviluppati dai discenti opportunamente organizzati in gruppi di lavoro.

Regole per navigare in Internet: https://docs.google.com/presentation/d/1KGqo9atbYQyAupBFG5l-kgdQpE4vVXZO/edit?usp=sharing&ouid=115780588473782889850&rtpof=true&sd=true Regole per navigare su Internet
Netiquette: https://docs.google.com/presentation/d/12TngxUovGhJo0i0EjDRG-OTu92Z2ZOGG/edit?usp=sharing&ouid=115780588473782889850&rtpof=true&sd=true Netiquette
Internet: https://docs.google.com/presentation/d/1mY-lRQArLLlNGPntHiLS1R2G8Xv4iTok/edit?usp=sharing&ouid=115780588473782889850&rtpof=true&sd=true. Internet
Browser: https://drive.google.com/file/d/1Aq6H5x4muArBHiQjEVZztZEx3cRPuGcP/view?usp=sharing Il BROWSER IA

Commenti (9)

Per inserire un nuovo commento è necessario autenticarsi.

  • il 09/04/2022
    G. P. C. - Castelvetrano
    ha commentato:

    L'esperienza che stiamo facendo con il sociologo Lucido è davvero interessante! E' un peccato che stia per terminare! Apprendere giocando ed interagire divertendosi non è così scontato!

  • il 08/04/2022
    G. N. - Castelvetrano
    ha commentato:

    Voglio ringraziare di vero cuore i miei insegnanti ed il sociologo dell'Asp di Trapani, il dottor Lucido, per averci proposto questo percorso così costruttivo per noi giovani della Generazione Z. Prima del progetto Ri_media8.0 per me parole come Body-shaming, hate speech, grooming, revengeporn, sexting erano parole insignificanti. Adesso invece mi sento di poter guidare altri coetanei.

  • il 25/03/2022
    L. F. - Castelvetrano
    ha commentato:

    Insulti, denigrazioni, lesione della reputazione degli altri: le parole possono essere scagliate contro gli altri per deriderli, ferirli, umiliarli, e ancor più per far sentire gli altri inferiori. Le parole possono essere potenti strumenti di oppressione, pesanti come pietre.
    Tutti noi abbiamo una pesante responsabilità: ciò che diciamo deve essere una responsabilità. Il silenzio, l'indifferenza o la superficialità con cui spesso accogliamo gli usi offensivi di altri corrono il rischio di trasformarsi in consenso. Per questo dobbiamo denunciare!

  • il 20/03/2022
    C. S. - Castelvetrano
    ha commentato:

    Body-shaming, hate speech, grooming, revengeporn, sexting erano parole vuote e prive di significato prima del progetto Ri_medi@ 8.0. Grazie agli interventi formativi che continuiamo a svolgere con il sociologo Lucido dell'Asp di Trapani stiamo diventando sempre più consapevoli di come possiamo tutelare la nostra e altrui privacy!

  • il 20/03/2022
    D. B. - Castelvetrano
    ha commentato:

    Non pensavo che la formazione su un tema così importante e attuale come la sicurezza in rete potesse essere così entusiasmante. Il circle time con il sociologo Lucido rende il clima di classe molto collaborativo.

  • il 16/03/2022
    G. L. C. - Castelvetrano (TP)
    ha commentato:

    Bisogna usare internet in maniera consapevole e corretta, spesso noi ragazzi ne facciamo un uso inappropriato.
    Grazie a questo progetto,sto imparando quanto è rischioso navigare su internet e ho appreso l'importanza del rispetto delle regole nel web.

  • il 15/03/2022
    C. R. - Castelvetrano
    ha commentato:

    È una bellissima esperienza. Sto comprendendo che noi giovani siamo in grado di sfruttare tutte le opportunità che offre internet e di usare le nuove tecnologie, ma siamo anche quelli più esposti al rischio di manipolazioni nella nostra sfera più intima e privata.

  • il 15/03/2022
    S. G. - Castelvetrano
    ha commentato:

    Muoversi in Internet, tuffarsi nel web in sè sono operazioni semplici, ma sapere stare a galla non significa conoscere i rischi del mare. Ci stiamo formando proprio per evitare i rischi possibili di lesione della nostra privacy e quella degli altri. Il sociologo Lucido è davvero coinvolgente!

  • il 15/03/2022
    A. G. - Castelvetrano
    ha commentato:

    L'esperienza che stiamo facendo con il sociologo Lucido è davvero interessante! Avvolte noi ragazzi siamo un po' superficiali e non ci rendiamo conto di quanto ci esponiamo a rischi.